Vai al contenuto principaleVai al footer

Identità digitale

L’accesso semplice e veloce ai servizi digitali

Identità Digitale

Grazie all’identità digitale, la Pubblica Amministrazione fornisce la chiave per accedere ai servizi online attraverso una credenziale unica, che si attiva una sola volta ed è sempre valida.

Semplice, veloce e sicuro, l’accesso ai servizi pubblici online sarà presto possibile solo con il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID) e la Carta d’Identità Elettronica (CIE). SPID e CIE sono gli strumenti di identificazione per accedere ai servizi online della PA e ai servizi dei privati aderenti.

Tutte le pubbliche amministrazioni devono integrare nei propri sistemi informativi SPID e CIE, come unici sistemi di identità digitale per l’accesso ai servizi digitali, abbandonando le vecchie credenziali. Grazie a SPID e CIE diventa uniforme l’accesso ai servizi pubblici in tutto il territorio nazionale.

Vantaggi per i cittadini

Cittadini, imprese e professionisti possono accedere ai servizi da qualsiasi dispositivo: computer, tablet e smartphone. Grazie a SPID e CIE, gli utenti non dovranno più gestire credenziali diverse a seconda del servizio che vogliono utilizzare e possono:

  • contare su sistemi di identificazione unici e sicuri, che tutelano la privacy dei dati personali;
  • accedere ai servizi pubblici digitali italiani, dei Paesi membri dell’Unione Europea e ad alcuni servizi erogati da privati.

Vantaggi per le Pubbliche Amministrazioni

SPID e CIE consentono invece alle amministrazioni di abbandonare i diversi sistemi di autenticazione gestiti localmente, permettendo di:

  • risparmiare risorse (in termini di lavoro e costo necessari per il rilascio e la manutenzione delle credenziali);
  • offrire un accesso sicuro e veloce ai servizi online, offrendo agli utenti un servizio omogeneo su tutto il territorio nazionale.

L’identità digitale nel PNRR

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza ha, tra i suoi obiettivi, quello di diffondere l’identità digitale, assicurando che venga utilizzata entro il 2026 dal 70% della popolazione.

Ruolo del dipartimento

SPID e CIE rappresentano le soluzioni di identità digitale all’interno delle infrastrutture chiave per il Paese (le piattaforme abilitanti contenute nel Piano Triennale per l’informatica della PA).

Il Dipartimento ha il ruolo di impulso e coordinamento del progetto SPID, servizio ideato e progettato dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID). L’ideazione e la gestione della CIE è invece affidata all’Istituto Poligrafico Zecca dello Stato dal Ministero dell’Interno.

Il Dipartimento supporta lo sviluppo e l’evoluzione di entrambe le identità digitali, con l’obiettivo di estenderne la diffusione nella pubblica amministrazione e incrementare l’utilizzo da parte di tutti i cittadini e le imprese.

Per facilitare l’utilizzo dei servizi online attraverso l’identità digitale, il decreto legge “Governance del Piano nazionale di rilancio e resilienza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure” (n. 77 del 31 maggio 2021) ha introdotto un nuovo sistema di gestione deleghe. Il sistema consentirà di conferire una delega a un soggetto in possesso di identità digitale (SPID o CIE) per l’accesso ai servizi pubblici online.

L’iniziativa è affidata alla responsabilità del Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei ministri. In questo nuovo quadro, l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato si occuperà della realizzazione, gestione e manutenzione del Sistema delle deleghe.

Per approfondire

Il Dipartimento ha pubblicato i manuali e le guide rapide a supporto delle amministrazioni che devono implementare SPID e CIE per l’accesso ai servizi pubblici:

Vuoi saperne di più sugli aspetti tecnici di SPID e CIE?

Vuoi contribuire alla discussione con i tuoi commenti?

Allegati

Manuale SPID

Scarica il PDF

Manuale CIE

Scarica il PDF

Guida rapida SPID

Scarica il PDF

Guida rapida CIE

Scarica il PDF

Carta d’Identità Elettronica (CIE)

Vai al sito ufficiale di CIE

Data ultimo aggiornamento 28 luglio 2021