Vai al contenuto principaleVai al footer

Al via l’aggiornamento della mappatura delle reti fisse a banda ultralarga nelle “Aree bianche 2016”

Su incarico del Comitato per la Transizione Digitale, Infratel ha avviato la consultazione ai fini della mappatura

Data 13 ottobre 2021

Nel corso dell’incontro tenutosi l’11 ottobre 2021, il Comitato interministeriale per la Transizione Digitale (CiTD), presieduto dal Ministro Vittorio Colao, ha affidato a Infratel Italia l’attività di aggiornamento della mappatura della copertura nazionale con reti fisse a banda ultra larga dei civici individuati dal “Piano Aree Bianche” del 2016.

Infratel ha così avviato la consultazione degli operatori, che potranno inviare i dati seguendo le indicazioni previste da Infratel e attraverso una piattaforma dedicata attiva dal 13 ottobre al 15 novembre 2021.

Con la nuova mappatura si vogliono individuare le aree rimaste fuori dall’intervento pubblico avviato nel 2016 e che non sono state ancora raggiunte, né lo saranno nei prossimi 5 anni, da investimenti privati idonei a garantire una velocità di connessione in download di almeno 300 Mbit/s nell’ora di picco del traffico.

Secondo gli obiettivi della Strategia Italiana per la banda ultra larga, queste aree saranno oggetto di intervento pubblico volto a garantire la velocità ad almeno 1 Gbit/s in download e 200 Mbit/s in upload, a completamento del Piano “Italia a 1 Giga”.

L’iniziativa è in linea con gli “Orientamenti dell’Unione Europea relativi all’applicazione delle norme in materia di aiuti di Stato in relazione allo sviluppo rapido di reti a banda larga” (2013C-25/01).