Vai al contenuto principaleVai al footer

Mobility as a Service for Italy

Categoria

Avviso

Data di apertura 22 novembre 2021 13:00
Stato

APERTO

Data di chiusura 10 gennaio 2022 23:59
Struttura di riferimento

Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei ministri e il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili

Prosegue il percorso di implementazione della misura Mobility as a Service prevista dal PNRR, il piano di investimenti straordinario promosso dal Governo italiano all’interno del programma europeo NextGenerationEU.

L’Avviso mira a individuare e finanziare lo sviluppo di tre progetti pilota, di cui uno nel Mezzogiorno, da realizzare in altrettante città metropolitane tecnologicamente avanzate (città “leader”) con l’obiettivo di introdurre, nel contesto dei sistemi di trasporto locale, il paradigma Mobility as a Service (MaaS).

Chi può partecipare all’Avviso Pubblico

Dal 22 novembre 2021 fino al 10 gennaio 2022 possono mandare proposte progettuali le 13 Città metropolitane individuate in seguito alla pubblicazione della Manifestazione d’interesse avviata dal Dipartimento per la trasformazione digitale (DTD) della Presidenza del Consiglio dei ministri e il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili (MIMS) nel mese di ottobre del 2021.

In particolare:

  • Bari
  • Bologna
  • Cagliari
  • Catania
  • Firenze
  • Genova
  • Milano
  • Napoli
  • Palermo
  • Reggio Calabria
  • Roma
  • Torino
  • Venezia

Ciascuno dei Comuni in questione può presentare una sola domanda.

Modalità di presentazione della domanda

I Soggetti interessati potranno rispondere al presente Avviso utilizzando i modelli allegati (Allegato 1 Modulo di domanda, Allegato 2.1 Scheda progetto, Allegato 2.2 Scheda Living Lab) secondo le indicazioni che seguono:

  • La domanda di partecipazione è compilata secondo il modulo di domanda in Allegato 1 al presente Avviso. La domanda è resa nella forma dell’autocertificazione, ai sensi del D.P.R. n. 445/2000 e con le responsabilità previste dagli artt. 75 e 76 dello stesso Decreto. La domanda di partecipazione in formato pdf. è sottoscritta digitalmente dal legale rappresentante del Soggetto Attuatore proponente o, in alternativa, da soggetto da quello delegato. In quest’ultimo caso, è richiesta, a pena di irricevibilità della domanda, la produzione contestuale dell’atto di delega.
  • Alla domanda di partecipazione va allegata la Scheda Progetto e la Scheda Living Lab in formato pdf (Allegato 2.1 e 2.2 all’Avviso).
  • La documentazione di cui ai precedenti punti deve essere trasmessa con un unico messaggio di Posta Elettronica Certificata (PEC), entro e non oltre le ore 23:59 del giorno 10 gennaio 2022, all’indirizzo dtd.pnrr@pec.governo.it avendo cura di riportare nell’oggetto l’identificativo: “AVVISO 2021 – PROGETTO MAAS4ITALY”.

MaaS e l’obiettivo dell’Avviso

Il paradigma MaaS (Mobility as a service) mira a integrare più modalità di trasporto (es. e-bike, autobus, car sharing) attraverso piattaforme di intermediazione che forniscono agli utenti finali una varietà di servizi che vanno dalla pianificazione del viaggio alla prenotazione e ai pagamenti. Questi servizi digitali dovranno essere pensati in modo da facilitare l’accesso alle modalità di trasporto anche per le fasce più deboli della popolazione, nel contesto dei sistemi di trasporto già presenti all’interno della città, a favore di una maggiore accessibilità, multimodalità e sostenibilità degli spostamenti.

Le tre città “leader”, che saranno individuate con l’Avviso, dovranno essere anche le capofila nell’adozione del servizio nazionale di “Data Sharing and Service Repository Facilities (DS&SRF)”. Delle tre città “leader”, una servirà come laboratorio di sperimentazione (Living Lab - “Cooperative, connected and automated mobility”) per testare soluzioni innovative di trasporto locale (ad esempio i sistemi avanzati di assistenza alla guida, le tecnologie di comunicazione Vehicle-to-X etc.).

L’Avviso punta anche a erogare una misura di sostegno finanziario agli operatori di trasporto locale per digitalizzare i propri sistemi e servizi (ad esempio la biglietteria elettronica), favorendo così l'integrazione con il Data Sharing and Repository Facilities (DS&SRF).