Vai al contenuto principaleVai al footer

Nasce PA digitale 2026, il punto di accesso alle risorse per la transizione digitale della PA

La piattaforma consentirà alle amministrazioni di richiedere i fondi del PNRR dedicati al digitale, rendicontare i progetti e ricevere assistenza

Data 18 novembre 2021
Tempo di lettura
4 minuti
Immagine dell'homepage PA digitale 2026

Il Dipartimento per la trasformazione digitale, guidato dal Ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, lancia PA digitale 2026, il punto di accesso alle risorse per la transizione digitale della Pubblica Amministrazione.

Su PA digitale 2026 le amministrazioni potranno richiedere i fondi del PNRR dedicati alla transizione digitale, rendicontare l’avanzamento dei progetti e ricevere assistenza.

Inizia così il percorso per coinvolgere e sostenere le PA a comprendere nel dettaglio le grandi opportunità della digitalizzazione. Un percorso che avrà nella primavera del 2022 uno snodo fondamentale, con la pubblicazione dei primi avvisi del PNRR dedicati alla digitalizzazione della PA.

Le misure su PA digitale 2026

I 7 investimenti previsti dal PNRR per la digitalizzazione della PA sono messi a disposizione attraverso 14 misure, per un totale di oltre 6 miliardi di euro.

Nello specifico:

  • 1.1 Infrastrutture digitali (900 mln)
  • 1.2 Abilitazione e facilitazione migrazione al cloud (1 mld)
  • 1.3.1 Piattaforma Digitale Nazionale Dati (556 mln)
  • 1.3.2 Sportello Unico digitale (90 mln)
  • 1.4.1 Esperienza dei servizi Pubblici (613 mln)
  • 1.4.2 Accessibilità (80 mln)
  • 1.4.3 Adozione PagoPA e app IO (750 mln)
  • 1.4.4 Adozione identità digitale (285 mln)
  • 1.4.5 Digitalizzazione degli avvisi pubblici (245 mln)
  • 1.4.6 MaaS (40 mln)
  • 1.5 Cybersecurity (623 mln)
  • 1.6 Digitalizzazione delle grandi amministrazioni centrali (611,2 mln)
  • 1.7.1 Servizio civile digitale (60 mln)
  • 1.7.2 Centri di facilitazione digitale (135 mln)

Nuove modalità di accesso ai fondi

A seconda della tipologia di misura e di PA, sarà possibile accedere alle risorse o attraverso delle soluzioni standard o attraverso la presentazione di progetti.

Le soluzioni standard sono pensate per le misure con una platea ampia di beneficiari (oltre 1.000 PA), e vogliono semplificare l’accesso ai fondi:

  • Ogni PA, in base a tipologia e dimensione, potrà infatti accedere a specifiche misure attraverso soluzioni standard, ciascuna con un valore economico predefinito. Non sarà necessario scrivere e presentare progetti per ricevere finanziamenti.
  • Per semplificare l’accesso ai fondi del PNRR le amministrazioni potranno - con un’unica candidatura - accedere a soluzioni multimisura, che includono, per esempio, sia finanziamenti per la migrazione al cloud che per il miglioramento dei siti web.
  • Per semplificare l’erogazione delle risorse, i contributi saranno riconosciuti alle amministrazioni sulla base del raggiungimento di specifici obiettivi predefiniti. Il processo di rendicontazione sarà quindi alleggerito, e non sarà necessario rendicontare le singole spese effettuate per ottenere i fondi.

Per le misure con una platea ristretta di beneficiari (fino a 1.000 PA), è prevista una modalità di accesso che prevede la presentazione di progetti, sempre ispirata ai principi della semplicità e della riduzione degli oneri amministrativi. Dei criteri di valutazione automatici consentiranno una valutazione dei progetti più rapida. In questo caso l’erogazione dei contributi seguirà alcuni passaggi che possono prevedere un’anticipazione e delle tranches, fino al saldo, erogate “a rimborso”.

Un dialogo costruttivo

“PA digitale 2026” sosterrà gli Enti con risorse e informazioni lungo tutto il percorso di attuazione delle misure previste dal PNRR: dalla prima fase informativa, che precede l’avvio degli avvisi, al momento dell’accesso ai fondi e fino all’implementazione stessa delle iniziative.

Per sostenere la transizione digitale dei singoli Enti, nasce anche un team dedicato: il Transformation Office. Questa struttura, che sarà anche dislocata sul territorio con referenti locali, è parte del Dipartimento per la trasformazione digitale, e farà da ponte con amministrazioni locali e fornitori IT della PA, con assistenza informativa e tecnica.

I prossimi passi

Con PA digitale 2026 inizia un percorso in tre fasi per permettere alle amministrazioni di cogliere al meglio tutte le opportunità del PNRR dedicate alla digitalizzazione della PA.

A partire dall’autunno del 2021 le PA hanno accesso a informazioni e risorse per prepararsi al meglio ad aderire agli avvisi, la cui pubblicazione è prevista per la primavera del 2022.

I primi avvisi del PNRR dedicati alla transizione digitale della PA sono online. Dalla primavera del 2022, attraverso un’area riservata, le amministrazioni possono beneficiare di un percorso guidato per aderire alle misure e richiedere i finanziamenti dedicati.

Dall’estate del 2022 le amministrazioni possono avviare i primi progetti: un team dedicato fornisce alle PA assistenza tecnica e accompagnamento nell’implementazione delle iniziative; un sistema di rendicontazione online organizzato per obiettivi semplifica il percorso delle amministrazioni.

3 schermate che mostrano le 3 fasi del progetto PA digitale 2026

Italia Domani - il PNRR

A fine aprile 2021 il Governo italiano ha approvato Italia Domani, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Italia Domani fa parte di Next Generation EU, un piano da € 750 miliardi che ha l’obiettivo di rilanciare l’economia europea dopo la pandemia di COVID-19 e di renderla più verde e digitale.

Il 27% delle risorse di Italia Domani è dedicato alla transizione digitale del Paese, e saranno utilizzate per realizzare la strategia Italia digitale 2026.

L'importante piano di investimenti vuole mettere l'Italia nel gruppo di testa in Europa entro il 2026. Per fare ciò pone cinque ambiziosi obiettivi:

  1. Diffondere l’identità digitale, assicurando che venga utilizzata dal 70% della popolazione;
  2. Colmare il gap di competenze digitali, con almeno il 70% della popolazione che sia digitalmente abile;
  3. Portare circa il 75% delle PA italiane a utilizzare servizi in cloud;
  4. Raggiungere almeno l’80% dei servizi pubblici essenziali erogati online;
  5. Raggiungere, in collaborazione con il Mise, il 100% delle famiglie e delle imprese italiane con reti a banda ultra-larga.

PA digitale 2026 è il punto di accesso per permettere alle PA di partecipare da protagonista al cambiamento.

Italia domani

Sito ufficiale del Governo sul PNRR