Italia 2025

La strategia per l’innovazione e la trasformazione digitale del Paese

Avanzamento obiettivi Italia 2025

La strategia

Stiamo sviluppando la strategia di innovazione Italia 2025. In questa pagina le azioni su cui abbiamo cominciato a lavorare e il loro stato di avanzamento.

Italia 2025” si basa su tre sfide principali, identificate a partire Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) delle Nazioni Unite. Le tre sfide sono:

All’interno della strategia queste tre sfide sono state declinate in venti azioni di innovazione e digitalizzazione a cui, come Dipartimento legato al Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione, stiamo lavorando, di concerto con altri Ministeri, Pubbliche Amministrazioni centrali e locali, enti pubblici, agenzie, aziende private e normali cittadini. Un processo che coinvolge tutto l’ecosistema, per una trasformazione strutturale e radicale del nostro Paese.

Le azioni

Una governance per l’innovazione

Obiettivo

Definire un coordinamento per le azioni di digitalizzazione e innovazione del paese all’interno della Pubblica Amministrazione, e tra Pubblica Amministrazione e stakeholder privati

Chi

Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione; stakeholder pubblici (ministeri, regioni, città, università); stakeholder privati: centri di ricerca, aziende, società civile.

Come

  • Definizione della cabina di regia tra ministeri
  • Definizione di task force su progetti specifici: digitalizzazione, madeIT, Borghi del futuro
  • Protocollo di intesa con le regioni e i comuni
  • Definizione di tavoli con le regioni e i comuni su specifici argomenti: la razionalizzazione dei data centre, la mappatura e creazione di nuovi progetti di innovazione tecnologica all’interno delle regioni, la gestione della digitalizzazione e dei dati, il procurement, la banda ultra larga
  • Creazione del tavolo di lavoro con le università e i centri di ricerca
  • Definizione dei task specifici da affrontare con le università e i centri di ricerca: progetti sulle nuove tecnologie, formazione sugli studenti e sui cittadini
  • Definizione del tavolo di lavoro con le aziende coinvolte nel processo di digitalizzazione e innovazione: formazione sulla cittadinanza, infrastrutture per i servizi del futuro, nuovi servizi da sperimentare nelle città
  • Monitoraggio del progetto trimestrale

Quando

Il progetto è già stato avviato, grazie alla creazione della cabina di regia e all’apertura dei tavoli verticali sui temi dell’innovazione e della digitalizzazione.

Target

Pubblica Amministrazione, cittadini

Un domicilio digitale per tutti

Obiettivo

Permettere a ogni cittadino di eleggere un domicilio digitale, per ricevere la propria corrispondenza in formato digitale avente valore legale (e in prospettiva, di consultarla attraverso IO, l’app dei servizi pubblici), generando risparmi di spesa, più efficienza e semplicità di spedizione, ricezione e archiviazione della corrispondenza sia per i cittadini che per la Pubblica Amministrazione.

Chi

Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione, Agenzia per l’Italia Digitale (AgID), Infocamere Spa, PagoPA Spa

Come

  • Perfezionamento della convenzione per lo sviluppo e la gestione del registro pubblico dei domicili digitali dei cittadini tra Agid e il Ministro per l’innovazione e la trasformazione digitale
  • Progettazione e sviluppo del registro pubblico dei domicili digitali dei cittadini
  • Definizione delle linee guida per l’elezione del domicilio digitale da parte dei cittadini e per l’accesso al medesimo registro da parte di Pubbliche Amministrazioni e soggetti privati
  • Promozione del diritto all’elezione del domicilio digitale e ai vantaggi, per cittadini e amministrazione, dell’utilizzo del domicilio digitale dei cittadini
  • Integrazione tra gli strumenti di elezione del domicilio digitale e applicazioni e servizi pubblici digitali, per permettere di eleggere il domicilio digitale anche attraverso i siti, le piattaforme e le app delle Pubbliche Amministrazioni
  • Integrazione tra il domicilio digitale e IO

Quando

2° trimestre 2020

Target

Pubblica Amministrazione, cittadini, imprese

IO, l’app dei servizi pubblici

Obiettivo

Facilitare l’accesso di tutti i cittadini ai servizi della Pubblica Amministrazione - e ai diritti che questi servizi garantiscono - attraverso un’app per smartphone che metta le persone al centro dell’interazione con lo Stato: un unico punto di accesso per tutti i servizi pubblici digitali, da cui gli Enti centrali e locali possano contattare il cittadino in modo semplice, sicuro e personalizzato.

Chi

PagoPA Spa, Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione, Pubbliche Amministrazioni centrali e locali

Come

  • Presa in carico del progetto IO da parte della società pubblica PagoPA Spa
  • Ultimazione della fase di beta testing su invito della app, con finalità di bug fixing, perfezionamento delle funzionalità, dell’infrastruttura, dell’integrazione con le piattaforme abilitanti e ottimizzazione dell’esperienza utente
  • Onboarding di un primo gruppo di Enti pubblici centrali e locali, con l’integrazione di un primo set di servizi
  • Pubblicazione della prima open beta dell’app IO sugli store online nel 2° trimestre del 2020
  • Messa in produzione di un sistema di onboarding automatizzato, per permettere a tutte le Pubbliche Amministrazioni di portare autonomamente i propri servizi su IO

Quando

Il progetto è già attivo e in fase di industrializzazione. 2° trimestre 2020: pubblicazione della prima open beta dell’app negli store.

Target

Cittadini, Pubbliche Amministrazioni centrali e locali e centrali, soggetti privati erogatori di servizi di pubblica utilità.

Ristrutturazione digitale

Obiettivo

Aggiornare i siti internet, le piattaforme, gli strumenti e le app per l’erogazione dei servizi pubblici digitali attraverso il contributo dei soggetti privati, secondo lo schema utilizzato per la ristrutturazione dei monumenti, favorendo il ricorso a template standard e soluzioni informatiche in riuso disponibili rispettivamente nell’ambito dei progetti Designers Italia e Developers Italia

Chi

Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione; Pubbliche Amministrazioni e enti titolari di siti, app e servizi digitali; sponsor privati

Come

  • Progettazione e sviluppo di una guida per l’implementazione del progetto
  • Identificazione di una o più amministrazioni pilota e di uno o più partner privati interessati allo sviluppo del sito o del servizio in cambio di visibilità, da coinvolgere in una prima fase sperimentale
  • Promozione di template e strumenti per le Pubbliche Amministrazioni, per garantire una l’adozione dei migliori standard per la progettazione e realizzazione dei servizi digitali
  • Analisi e divulgazione dei risultati raggiunti nell’ambito delle iniziative pilota, per stimolarne la moltiplicazione

Quando

2° trimestre 2020

Target

Pubblica Amministrazione

Diritto a innovare

Obiettivo

Consentire a startup e imprese innovative di sperimentare le proprie attività, anche nei casi in cui il quadro normativo - pur non vietandole espressamente - ne renda dubbia la legittimità o le costringa a rispettare un regime autorizzatorio particolarmente stringente, di fatto bloccando la sperimentazione. Se l’innovazione dimostra di avere un impatto sociale positivo, promuovere un aggiornamento del quadro normativo di riferimento.

Chi

Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione; altre autorità coinvolte nelle materie oggetto di richiesta di sperimentazione.

Come

  • Redazione e promozione di una disposizione di legge idonea a consentire a startup e imprese innovative di fare innovazione anche in presenza di contesti normativi dubbi
  • In caso di approvazione della disposizione di legge, progettazione e implementazione del processo per la gestione delle istanze di innovazione, coinvolgendo nel processo le authority di riferimento
  • Lancio dell’iniziativa, raccolta e valutazione delle prime istanze
  • Avvio delle prime sperimentazioni e loro valutazione
  • Presentazione delle prime proposte di aggiornamento del quadro normativo per superare gli eventuali ostacoli emersi nel corso delle sperimentazioni

Quando

1° trimestre 2020 - Redazione e promozione della disposizione di legge

Target

Imprese (startup e PMI innovative)

madeIT

Obiettivo

Creare un brand per la valorizzazione del comparto innovativo in Italia e un programma strutturale che aggreghi le misure esistenti per sviluppare il settore delle tecnologie innovative nel Paese. Obiettivo del programma è supportare la crescita e l’internazionalizzazione di startup e PMI, razionalizzare le misure di supporto all’innovazione e aumentare l’efficacia delle diverse azioni in essere, grazie ad una regia comune.

Chi

Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione; Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale; Ministero dello sviluppo economico; Italian Trade Agency; altri stakeholder in Italia e all’estero.

Come
  • Creazione del brand e del sito internet del progetto
  • Definizione dei criteri per ottenere il brand e definizione della procedura amministrativa legale per il rilascio del brand
  • Definizione del comitato che selezionerà i beneficiari del programma
  • Definizione di una lista di “Envoys” della PA per la promozione delle startup all’estero
  • Definizione del programma per le startup in fase early stage, del team di supporto alle startup, dei partner di progetto nazionali e internazionali. Selezione delle startup che accedono al programma startup early stage
  • Definizione del programma per le startup in fase growth, del team di supporto alle startup, dei partner di progetto nazionali e internazionali. Selezione delle startup che accedono al programma startup growth
  • Definizione del programma per le PMI innovative, del team di supporto alle startup, dei partner di progetto nazionali e internazionali. Selezione delle startup che accedono al programma PMI innovative
  • Monitoraggio dei progetti

Quando

  • 2° trimestre 2020 - lancio del programma early stage e selezione delle startup
  • 4° trimestre 2020 - lancio del programma growth e selezione delle startup
  • 1° trimestre 2021 - lancio del programma PMI innovative e selezione delle imprese

Target

Imprese (startup tecnologiche e PMI innovative basate in Italia)

AI ethical LAB-EL

Obiettivo

Elaborare dei principi etico-giuridici capaci di governare l’adozione di soluzioni di intelligenza artificiale da parte della Pubblica Amministrazione. In prospettiva, questi principi di sostenibilità etico-giuridica porteranno a un processo di certificazione di tali soluzioni, ai fini della loro adozione da parte di Pubbliche Amministrazioni e privati.

Chi

Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione; Ministero dello sviluppo economico; Ministro per la Pubblica Amministrazione; Commissione Europea, Consip, centri di ricerca pubblici e privati.

Come

  • Costituzione di un gruppo di lavoro (il comitato “Alleanza per l’intelligenza artificiale sostenibile”) per l’elaborazione dei principi etico-giuridici e la progettazione del processo per il rilascio della certificazione
  • Redazione di un manifesto di principi etico-giuridici per guidare l’adozione di soluzioni di intelligenza artificiale nell’amministrazione
  • Valutazione della compliance ai principi etico-giuridici delle due soluzioni oggetto di sperimentazione nell’ambito dell’azione 08 della strategia (“Intelligenza artificiale al servizio dello Stato”) e loro certificazione
  • Progettazione e implementazione di un processo capace di garantire l’analisi delle diverse soluzioni di AI da adottare nella Pubblica Amministrazione, anche attraverso apposite convenzioni con enti dotati delle necessarie competenze
  • Integrazione del processo di certificazione di sostenibilità etico-giuridica delle soluzioni di AI nei processi di procurement pubblico

Quando

1° trimestre 2020

Target

Pubbliche Amministrazioni, Imprese

Un anziano, un tablet e un sorriso per l’inclusione digitale

Obiettivo

Includere degli over 65 nel processo di trasformazione digitale, mettendo loro a disposizione un tablet personalizzato che gli permetta di accedere in modo semplice e intuitivo ai giornali online e ai servizi digitali della Pubblica Amministrazione.

Chi

Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione; aziende private partner dell’iniziativa (testate news; produttori di tecnologia); associazioni no profit.

Come

  • Dialogo con associazioni no profit per la verifica del numero dei soggetti target e delle modalità di coinvolgimento
  • Protocollo di intesa tra le testate giornalistiche e le aziende di tecnologia (ad oggi il progetto coinvolge Tim e La Stampa)
  • Definizione del numero di tablet necessari e della loro distribuzione (ad oggi la distribuzione può contare sul progetto Rinascimento digitale di Tim)
  • Definizione dell’accordo per l’accesso alle testate giornalistiche online (gratuito per il primo periodo, a prezzo concordato in una seconda fase)
  • Definizione dei servizi digitali da inserire nel tablet (es. applicazione IO)
  • Definizione della task force di volontari per educare gli utenti nell’utilizzo del tablet e delle app
  • Definizione dei servizi a supporto degli utenti (es. call center)
  • Definizione del piano di distribuzione dei dispositivi
  • Monitoraggio trimestrale del progetto

Quando

3° trimestre 2020

Target

Cittadini (over 65 ad alto rischio di esclusione dalla trasformazione digitale)

Repubblica Digitale: un hub di formazione sul futuro

Obiettivo

Combattere il divario digitale culturale presente nella popolazione italiana, in modo da sostenere la massima inclusione digitale e favorire l’educazione sulle tecnologie del futuro. Accompagnare il processo di trasformazione digitale con una serie di azioni di inclusione digitale finalizzate a abbattere ogni forma di divario digitale di carattere culturale.

Chi

Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione, Pubbliche Amministrazioni, imprese partner dell’iniziativa, terzo settore

Come

  • Attivare, supportare, rafforzare, valorizzare iniziative locali e nazionali per lo sviluppo delle competenze per la cittadinanza digitale nei territori e nelle scuole legate al Manifesto di Repubblica Digitale
  • Fornire ai cittadini gli strumenti di auto-sviluppo delle competenze digitali, con la realizzazione di una palestra digitale sul sito dell’iniziativa, dove condividere materiali realizzati nelle diverse iniziative come strumenti di supporto allo sviluppo delle competenze digitali
  • Attivare, supportare, rafforzare, valorizzare iniziative locali e nazionali per skilling, upskilling e reskilling
  • Comunicare l’importanza delle competenze digitali e della cultura digitale, anche con la realizzazione di una iniziativa organica con Rai di divulgazione/diffusione attraverso il piano editoriale
  • Monitorare l’evoluzione del fenomeno e l’efficacia delle politiche di intervento, anche tramite la costituzione di un osservatorio sulle competenze e il divario digitale.

Quando

Il progetto è in corso

Target

Cittadini (in particolare popolazione colpita da digital divide e con necessità di sviluppo delle competenze specialistiche sulle tecnologie emergenti)

Immagine
A2

Identità digitale (reloaded)

Ogni cittadino deve disporre di un’identità digitale unica, gratuita, facile da usare, che gli permetta di identificarsi in maniera sicura e accedere a tutti i servizi digitali pubblici.

Coming soon

Immagine
A6

Open innovation

Il progetto “PA - Porte Aperte all’innovazione” intende promuovere l’open innovation nell’amministrazione italiana.

Coming soon

Immagine
A7

Procurement semplificato

Ripensare il processo di procurement per le Pubbliche Amministrazioni centrali e locali per risolvere uno degli ostacoli principali alla digitalizzazione.

Coming soon

Immagine
A8

Intelligenza artificiale al servizio dello Stato

Progettare, sviluppare e sperimentare soluzioni di intelligenza artificiale applicata ai procedimenti amministrativi e alla giustizia.

Coming soon

Immagine
A9

Dati per le città del futuro

Predisporre e promuovere la formalizzazione di un accordo quadro per la condivisione dei dati.

Coming soon

Immagine
A10

Borghi del futuro

Concentrare l’innovazione in piccoli centri per attirare altra innovazione.

Coming soon

Immagine
A11

Innovazione bene comune

Definire gli asset strategici che possono essere un volano per la ricerca e sviluppo, sia all’interno del nostro Paese sia verso altri Paesi.

Coming soon

Immagine
A14

Cross-Tech hub Italia

Il contesto in cui si opera è importante nei processi di trasformazione. È necessario creare anche in Italia ambienti ad alto potenziale tecnologico e innovativo.

Coming soon

Immagine
A15

MoonTransfer Fund & Missione Formare

5 grandi autentiche missioni, in cui giocare una parte del nostro Futuro: Mobilità, Robotica, AI, Cyber Security.

Coming soon

Immagine
A16

Infrastrutture digitali

Sviluppare le infrastrutture digitali per garantire al nostro Paese e all’Europa l’autonomia tecnologica necessaria per il controllo dei nostri dati.

Coming soon

Immagine
A18

Il sabato del futuro

Provare a far innamorare i più giovani all’innovazione e accendere la loro passione per il futuro.

Coming soon

Logo Italia 2025