2 Aprile 2020
Continuano i lavori della Task Force per l’utilizzo dei dati contro il Covid-19
La task force al lavoro

Continua il lavoro della task force istituita nei giorni scorsi dal Ministro per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione in accordo con il Ministero della Salute e l’Istituto superiore di sanità per valutare e proporre soluzioni tecnologiche data driven, ossia basate sull’analisi dei dati, nell’affrontare l’emergenza sanitaria, sociale e economica causata dal virus SARS-CoV-2.

L’obiettivo del gruppo di esperti non è solo quello di fornire idee che contribuiscano a fronteggiare le difficoltà in corso sotto il profilo sanitario. La sua funzione è anche in larga parte radunare competenze e stimoli che possano tradursi in seguito in progressi nell’adozione di misure fondate su una conoscenza della realtà che i dati possono offrire.

Il gruppo di 74 esperti sottopone ad un primo esame quali possono essere alcuni soluzioni tecnologiche innovative. Questo studio può costituire un’occasione utile a sviluppare il ricorso all’analisi dei dati nell’elaborazione di politiche di governo.

I sottogruppi e i rispettivi coordinatori sono :

  • Coordinamento generale delle attività, curato da Paolo De Rosa;
  • Infrastrutture e data collection, coordinato da Maria Claudia Bodino;
  • Impatto economico, coordinato da Andrea Roventini;
  • Web data e impatto socio-economico, coordinato da Walter Quattrociocchi;
  • Teleassistenza, coordinato da Anna Ceccarelli;
  • Tecnologie per governare l’emergenza, coordinato da Ciro Cattuto;
  • Big data & AI (intelligenza artificiale) for policies, coordinato da Dino Pedreschi;
  • Profili giuridici della gestione dei dati connessa all’emergenza, coordinato da Guido Scorza.

L’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato, il Garante per la protezione dei dati personali e l’Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni daranno il loro apporto all’attività della task force pur senza partecipare ai relativi lavori. Nel rispetto della propria autonomia e indipendenza forniranno indicazioni, avvisi e pareri sulle valutazioni fornite dal gruppo e i suoi componenti.

Il sesto sottogruppo sottopone ad un primo esame le proposte raccolte attraverso la Fast Call pubblicata nei giorni scorsi per la gestione e il monitoraggio dell’emergenza sanitaria.

È per il bene comune che oggi è necessario mettere a confronto punti di vista tecnici e scientifici diversi accomunati da un proposito: consentire che le scelte delle istituzioni democratiche si avvalgano sempre più di una conoscenza della realtà vasta, complessa e in evoluzione.

Fotografia di cetteup su Unsplash

Altre notizie

Cobul: da novembre alle famiglie i primi voucher per internet, pc e tablet
Cobul da novembre alle famiglie i primi voucher per internet, pc e tablet

Le decisioni del Comitato Banda ultra larga presieduto dalla Ministra per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione Paola Pisano

Leggi di più
Vedi tutte le Notizie →